Storia di Oderzo

Storia di Oderzo

Longino era Opitergino?

Longino era Opitergino? Erano Opitergini (originari di Oderzo) i centurioni Romani esecutori della crocifissione di Gesu'? Recenti studi hanno accertato come i soldati d'istanza a Gerusalemme nel periodo della morte di Gesu' (30 Dopo Cristo) fossero originari della decima regione Venetia et Histria. Non essendo all'epoca la citta' di Concordia ancora molto sviluppata, si e¨ giunti all'ipotesi, che il leggendario San Longino e gli altri soldati che hanno interagito con Gesu' Cristo fossero originari di Oderzo.

Categoria:

Origine di Oderzo nel periodo Paleoveneto

L'origine della cittàdi Oderzo si può fissare intorno al XI secolo a.C. ad opera dei Paleoveneti, con il nome di Opterg. All'epoca la zona, leggermente in collina e posta tra il fiume Monticano ed un ramo non più esistente del Piave, era attraversata da importanti rotte commerciali, essendoci giàdegli stanziamenti fissi probabilmente da qualche secolo.

Categoria:

Oderzo nell'epoca Romana

Con l'espansione a nord della Repubblica Romana, Romani e veneti giungono a contatto, e la cittàpasseràquindi spontaneamente e gradualmente sotto il dominio di Roma prendendo il nome di Opitergium (l'attuale Oderzo). Nel 148 a.C. Oderzo si ritrova attraversata dalla via Postumia, importante via di comunicazione che, attraversando tutta la pianura padana, collegava Genova ad Aquileia.

Categoria:

L'Alto Medioevo di Oderzo

Con la diffusione del cristianesimo l'allora Opitergium diventa sede vescovile: è curioso notare come dei cinque vescovi conosciuti della città, tre siano stati canonizzati: san Tiziano, san Magno e san Floriano. La Diocesi di Oderzo ricalcava i confini amministrativi romani, e li ha mantenuti con poche varianti fino al giorno d'oggi. La Cattedrale sorgeva con ogni probabilitàall'incrocio delle attuali via delle Grazie e via San Martino.

Categoria:

Il Periodo Bizantino di Oderzo

Nel 616, o nell'anno successivo, la citta' di Oderzo e¨ sotto il controllo bizantino. Gregorio, Esarca di Ravenna, invita a Oderzo i longobardi Tasone e Caco, figli di Gisulfo II duca del Friuli per un incontro conviviale, e giura di tagliare la barba al primo e di "adottarlo" come proprio figlio. I due giovani arrivano in citta' con gli amici, ma una volta entrati vengono barbaramente uccisi. Gregorio quindi scioglie il giuramento tagliando la barba alla testa mozzata di Tasone.

Categoria:

Il periodo Longobardo di Oderzo

Gia' da tempo ormai la citta' di Oderzo era semi disabitata, essendo i suoi abitanti scappati verso la laguna dove, insieme ad altri profughi provenienti da Concordia Sagittaria, Aquileia, Padova, Altino e altre citta' della pianura veneta, fonderanno Rialto, la futura Venezia, alla quale Oderzo dara' il primo Doge, il leggendario Paolo Lucio Anafesto, primo Doge di Venezia.

Categoria:

Il Basso Medioevo di Oderzo

Dopo l'anno 1000 Oderzo riprende a vivere intorno al suo nuovo castello, anche se la citta' non ritrovera' mai piu' i fasti di un tempo. All'epoca la citta' si sviluppa quasi totalmente all'interno della cinta muraria. L'attuale campanile del Duomo e¨ stato edificato sulla base di una delle quattro torri che facevano da angolo; la seconda e¨ stata ricostruita negli anni novanta e prende il nome di "Torreson"; la terza si trovava in prossimita' dell'attuale "Piramide", l'ultima vicino all'attuale piccola rotatoria in Piazza Castello. Le diatribe tra feudatari e Comuni ad Oderzo

Categoria:

Il periodo Veneziano, Napoleonico ed Austriaco di Oderzo

I secoli passati sotto la dominazione veneziana non saranno particolarmente felici per la citta di Oderzo, la quale non riuscira' mai ad uscire da uno stato di arretratezza e da un'economia quasi esclusivamente agricola. Tra il Cinquecento e il Settecento si sviluppa l'attuale centro storico della citta' . I saccheggi perpetuati dalle truppe francesi con l'arrivo di Napoleone porteranno allo stremo la popolazione, gia' provata da periodiche carestie e epidemie.

Categoria:

L'eta' contemporanea di Oderzo

Nel 1866 avviene il passaggio plebiscitario di Oderzo al Regno d'Italia: nei decenni successivi la toponomastica cittadina si riempiràdi nomi di esponenti di casa Savoia. Nel 1889 il vescovo di Ceneda Sigismondo Brandolini, preoccupato per la gioventù della zona, chiama a Oderzo san Leonardo Murialdo, fondatore dei Giuseppini affinché apra un'opera a favore dei giovani. Il 1 ottobre il futuro santo torinese fonda il "Patronato Sacra Famiglia", probabilmente il primo oratorio mai aperto in città.

Categoria:

Oderzo dalla prima alla seconda guerra mondiale

Nel 1917, Oderzo, per la vicinanza con le rive del Piave, si ritroveràad essere sul fronte e subiràle pesanti conseguenze della tristemente famosa ritirata di Caporetto: archivi comunali distrutti, opere d'arte trafugate o danneggiate, edifici distrutti. Il 16 agosto del 1921 ancora una volta i Giuseppini fondano il "Patronato Turroni" di Oderzo, oratorio esistente ancor'oggi. Fedeli al motto "Pregare Imparare Giocare", i Giuseppini istituiranno a breve in patronato anche una filodrammatica, la squadra ginnica, la banda, il cinema e il gruppo scouts "Oderzo 1".

Categoria:

Il secondo dopoguerra di Oderzo

Alla fine della guerra anche ad Oderzo si sentono a pieno le conseguenze del boom economico degli anni sessanta, che chiudere decenni di massiccia emigrazione. Ulteriore spinta all'economia cittadina viene data dal cosiddetto miracolo del Nord-Est negli anni ottanta e novanta.

Categoria:

Annunci

Abbonamento a RSS - Storia di Oderzo